X-Men – The series – Gambit origins

A seguire la news ufficiale proveniente da Frenck Cinema, il portale italiano del cinema http://frenckcinema.altervista.org/

Tra una notizia inerente ai soliti blockbusters hollywoodiani e l’altra, qui su FrenckCinema si torna a parlare di cinema indie ed in particolare di un piccolo, ma interessante progetto che da oggi entra a far parte della schiera di collaborazioni che il nostro portale sta portando avanti per promuovere il cinema indipendente di qualità.

La produzione in particolare si intitola X-Men: The Series, la nuova web serie “cover” diretta ed interpretata da Carlo Trevisan, regista già noto su queste pagine per la Media Partner con L’Intrepido Wilson.

Chiaramente da come avrete potuto intuire dall’aggettivo utilizzato “cover” si tratta di una riproduzione indipendente del mitico mondo dei mutanti Marvel con un occhio particolare alle origini dei personaggi più amati della saga X-Men.

Prima di mostrarvi il comunicato stampa ufficiale di lancio ed alcune immagini dal backstage del primo episodio dedicato al personaggio di Gambit, vorrei ricordarvi che potrete apprezzare la nostra intervista al regista Trevisan proprio su X-Men realizzata durante lo scorso Lucca Comics and Games in occasione della presentazione ufficiale della serie.

Una piccola chicca, all’interno del primo episodio è presente nel cast anche Luca Canale Brucculeri, regista già apprezzato su queste pagine grazie alla nostra Media Partnership con la web serie The Horror Comics Saga.

X-Men the series è una webseries liberamente ispirata al mondo dei famosi mutanti creati da Marvel.

E’ un’opera no profit, fatta quindi solo da appassionati, come già accaduto per Saint Seiya Rebirth, altra opera di Dream Factory Studio, che nonostante fosse realizzata a costo zero e con mezzi limitati si è imposta nel panorama delle web fiction, risultando un delle serie made in Italy più viste all’estero, con oltre due milioni e mezzo di visualizzazioni e sottotitoli in quattro lingue.

In questo caso la differenza principale è mentre Saint Seiya Rebirth portava i Cavalieri dello Zodiaco in live action, cioè dal vivo, per la prima volta in un prodotto seriale, sugli X-Men esistono già moltissime cose. Oltre chiaramente alla serie animata e al fumetto, è presente una nota serie cinematografica, altre web series, cortometraggi, e così via. Ma prendiamo in esame i film.

La serie di film sugli X-Men è sicuramente eccellente. Tuttavia la storia non è fedele con il fumetto. Alcuni personaggi non sono presenti, e il loro background è stato scambiato con quello invece di personaggi presenti. Per esempio nella serie originale Logan/Wolverine è legato aTabitha Smith/Boom Boom.

Nei film la cosa è cambiata, in quanto è Rogue a sostiturla, ma a parte il nome e i poteri, la sua storia e il suo carattere sono quelli di Boom Boom. Gambit è assente, e compare successivamente nelle origini di Wolverine. Il motivo è che secondo gli autori del film Gambit Wolverine sono due personaggi molto forti e carismatici, e quindi avrebbero contrastato insieme in un’unica opera.

Un’altra cosa è che non ci sono le sentinelle, anche queste compaiono successivamente. Quindi lo scopo di questa web serie, sarebbe di portare alcuni elementi visti solo nel cartone animato e nel fumetto, in versione live action. In particolare le origini e l’entrata negli X-Men di alcuni personaggi, a cominciare da Remy LeBeau/Gambit, come vedrete nel primo episodio.

Il progetto e l’idea nascono da vari ragazzi, alcuni cosplayer alcuni appassionati, quali Marco Ciccomascolo, Marco Rosati, Marco Pupita e altri. Per la regia e per interpretare Gambit è stato scelto Carlo Trevisan, che preso dal progetto ha deciso anche di collaborare mettendo a disposizione i suoi mezzi tecnici e il suo staff.

Nel primo episodio, dove si parla delle origini di Gambit, all’epoca ancora conosciuto come Remy LeBeau, la voce di Gambit sarà quella di Ivo De Palma, uno dei più illustri doppiatori italiani. Una piccola curiosità: nella serie animata, “Insuperabili X-Men“, Ivo doppiava due personaggi, Pyro eSole ArdenteGambit era invece doppiato da Alberto Sette. Entrambe splendide voci, ma sicuramente quella di Ivo risulta più carismatica sul personaggio, nonostante appunto, non fosse lui a doppiarlo nella serie animata.

La scelta di doppiare l’episodio, e quindi molto probabilmente anche i prossimi, è venuta in seguito a complicazione tecniche: nonostante si fosse usata una buona presa diretta, in molte location c’erano troppi rumori e alcune scene andavano per forza doppiate. Di qui la scelta di doppiare tutto, e di scegliere alcune voci di rilievo, come appunto quella di Ivo De Palma, amico e spesso collaboratore di Carlo Trevisan.

Primo episodio

Presto sarà quindi online il primo episodio “Le origini di Gambit” e si può anticipare che il secondo episodio sarà incentrato su Rogue, che verrà interpretata da Rita Rusciano, già protagonista col ruolo di Nemes in Saint Seiya Rebirth, e sul suo incontro con Gambit. Sarà presente anche il personaggio di Nightcrowler, che sarà interpretato da Lorenzo Farinelli, che aveva vestito i panni di Dohko sempre in Saint Seya Rebirth.